AUSTRALIA : UNA STELLA AL TRAMONTO

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

AUSTRALIA : UNA STELLA AL TRAMONTO

 

australia aud forex 

 

Le azioni australiane hanno concluso il loro spettacolare bull market decennale rispetto al benchmark nel 2008. Da allora hanno fatto peggio della media globale del mercato azionario di circa il 25% negli ultimi quattro anni. La curva dei rendimenti si è invertita ed è rimasta piatta nonostante la discesa dei tassi di interesse a lungo termine e nonostante il taglio dei tassi a breve da parte della RBA.

Uno dei venti contrari che spiegano perché la fortuna dei mercati economici e finanziari australiani ha intrapreso una svolta negativa è la debolezza dei prezzi delle materie prime. Storicamente, l’Australia è sempre stata un commodity player ma la sua dipendenza dalle esportazioni di materie prime è aumentata in maniera massiccia a partire dall’inizio dello scorso decennio. La quota delle esportazioni di materie prime è salita da meno del 45% delle esportazioni totali nel1996 apiù del 72% nel 2011-12.

Vale la pena notare che l’incremento degli scambi commerciali in Australia durante l’ultimo decennio è stato uno dei più grandi e più lunghi da oltre 100 anni. Secondo il rapporto del Tesoro australiano del 2012, il miglioramento dell’interscambio commerciale ha contribuito a circa la metà dell’aumento complessivo annuo del reddito reale nazionale lordo dell’Australia negli ultimi dieci anni. Ad esempio, l’occupazione nel settore minerario è triplicata, l’investimento è aumentato di circa il 600% dai primi anni 2000 ed è stato responsabile per il 2,2% della crescita reale sul  3.6%  del PIL 2012.

Il problema è che ad oggi si stima che l’investimento nel settore minerario stia decelerando bruscamente in previsione ai prossimi cinque anni. Il valore dei progetti di investimento minerari ha avuto un picco a Australian Dollar A$270 miliardi (18% del PIL) nel 2012 ed il governo prevede che probabilmente scenderà a A$30 miliardi (meno del 2% del PIL) entro il 2018. Questo sbalorditivo declino, se dovesse andare come nelle modalità previste dal governo, rappresenterebbe un enorme freno strutturale per l’Australia.

Inoltre, nonostante il recente calo del dollaro australiano, il suo tasso di cambio reale effettivo si aggira intorno ai suoi massimi multi decennali, mettendo un’enorme pressione sul commercio australiano non minerario insieme all’economia globale.

Il mercato azionario australiano continuerà a rallentare fino a quando il dollaro australiano si indebolirà.

 

australia 

 

Storicamente, gli aggiustamenti del dollaro australiano hanno rappresentato un fattore chiave nel far fronte agli shock degli scambi e nel difendersi da entrambe le pressioni inflazionistiche o deflazionistiche. Ma dalla fine del 2011, i prezzi delle materie prime hanno cominciato a indebolirsi, e l’AUD ha svolto in maniera più soft il ruolo dell’ammortizzatore.

Sebbene entrambi, i prezzi dei metalli e la crescita reale del PIL cinese, avrebbero dovuto condurre ad un dollaro australiano molto più debole, l’AUD è rimasto forte rispetto a quello che i rapporti di interscambio commerciale suggerirebbero. Uno dei motivi principali per l’AUD insolitamente forte è lo spread elevato tra il tasso di interesse dell’Australia e il resto del mondo. Così, durante la crisi del debito europeo, l’Australia ha attirato grandi afflussi di capitale, in cerca di beni di rifugio. L’Australia è considerata un’economia fiscalmente conservatrice, con un rapporto debito pubblico – PIL tra i più bassi del mondo sviluppato.

Un calo significativo dell’AUD rispetto ai livelli attuali sopravvalutati aiuterebbe a frenare l’intensità del rallentamento dell’economia australiana, ma richiederebbe una sostanziale riduzione dei tassi di interesse interni. Questo sta già accadendo, ma il resto del mondo industrializzato sta perpetrando una politica monetaria ancora più espansiva rispetto a quella della RBA.

La performance delle azioni australiane dipende da quanto la RBA riuscirà a stare davanti alla curva dei rendimenti tramite una politica monetaria più aggressiva di ciò che si aspettano i mercati. Noi pensiamo che siano necessari ulteriori deprezzamenti della valuta ed easing da parte della RBA per porre fine alla sotto performance dei titoli azionari australiani. La curva dei rendimenti quasi invertita suggerisce che la politica della RBA è ancora troppo restrittiva.

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy