BOJ YEN: IL MESSAGGIO DI KURODA DEL MESE DI APRILE SI SCONTRA CON MERCATI

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

BOJ YEN: IL MESSAGGIO DI KURODA DEL MESE DI APRILE SI SCONTRA CON  MERCATI, CHE PRETENDONO DI PIU’

 

La convinzione del governatore della banca giapponese BOJ  Haruhiko Kuroda che il suo piano presentato ad aprile di  raddoppio della base monetaria giapponese, sarebbe stato sufficiente  per porre fine alla deflazione,si è confrontato con un pesante sell-off azionario.

L’indice Topix ha esteso il suo calo al 16 per cento dal massimo del 22 maggio dopo chela BOJ non ha aggiunto nuovi stimoli o ampliamento gli strumenti a disposizione per affrontare la volatilità dei titoli obbligazionari. Kuroda ha ripetutamente confermato che “la BOJ ha preso tutte le misure “necessarie“.

Il primo ministro Shinzo Abe ha contribuito al ritracciamento delle azioni durante la scorsa settimana annunciando per l’autunno un programma di deregolamentazione strutturale che lui sostiene potrà sorreggere la crescita. Politicamente impedito nella possibilità di adottare misure più audaci prima delle elezioni del prossimo mese, il rischio è che i legislatori dovranno intensificare le pressioni su Kuroda per affrontare le turbolenze di mercato attraverso varie misure monetarie.

A quanto parela BOJ considera temporaneo il calo delle azioni, ma la banca centrale sarebbe costretta ad agire se i prezzi delle azioni continuassero a scendere, ha dichiarato Yoshiki Shinke, capo economista presso il Daiichi Life Research Institute di Tokyo. Allo stesso tempo, “se una banca centrale facesse tutto ciò che gli investitori richiedono, questa sarebbe spinta in un angolo e costretta a reagire a tempo indeterminato”.

Il Nikkei in calo a circa 12.000 sarebbe il limite oltre il quale il governo perderebbe la pazienza con la BOJ” ha dichiarato Takuji Okubo, capo economista presso il Japan Macro Advisors a Tokyo, ex di Goldman Sachs Group Inc. “La banca centrale andrebbe sotto pressione per aggiungere ulteriori misure espansive su scadenze più lunghe – una sorta di impegno più forte per aumentare la liquidità” ha detto, riferendosi agli acquisti di debito a più lunga scadenza.

La questione dei rendimenti è importante in Giappone perché la nazione sopporta il fardello del maggior debito pubblico del mondo, con il Fondo monetario internazionale il mese scorso che ha sollecitato un piano “concreto e credibile” per il consolidamento fiscale. Il FMI ha constatato l’anno scorso che l’indebitamento del Giappone è pari al 245 per cento del Pil di questo anno.

La volatilità del mercato obbligazionario si sta calmando“, secondo Takeshi Minami, capo economista presso il Norinchukin Research Institute di Tokyo, e uno degli economisti che non si aspettavano alcuna proroga dell’operazione di finanziamento.

Le oscillazioni di prezzo in titoli di Stato giapponesi con scadenza superiore ad un anno si sono quasi dimezzate negli ultimi due mesi. La volatilità è scesa al 3,79 per cento da quando è stato  raggiunto il 6,86 per cento il 16 aprile, il più alto livello dal settembre 2003 su una base di lettura di 10 giorni, secondo i dati compilati da Bloomberg e dalla European Federation of Financial Analysts Societies.

La posizione della BOJ invia un segnale ai mercati secondo la quale Kuroda non sarà influenzato da oscillazioni di breve periodo e volatilità dei rendimenti obbligazionari” ha dichiarato Hideo Kumano, dirigente capo economista presso Dai-ichi Life in Tokyo ed ex funzionario della BOJ. Secondo Hiroshi Shiraishi, economista di BNP Paribas SA a Tokyo, il banchiere centrale ha anche evitato il messaggio ambiguo di espandere le opzioni di acquisto di obbligazioni per gli istituti finanziari cercando allo stesso tempo di spingerli al possesso di assets più rischiosi.

Kuroda ha riferito che la banca centrale ha più possibilità di aumentare gli acquisti di exchange-traded funds rispetto ai fondi comuni di investimento immobiliari giapponesi, o J-REIT.La BOJ ha inoltre confermato che 3.15 trilioni di Yen di prestiti saranno estesi a 70 banche principali e regionali il 20 giugno con un programma istituito dall’ex governatore Masaaki Shirakawa.

La BOJ ha aggiornato al rialzo la sua stima di esportazioni e produzione, confermando la “ripresa” per entrambi, ed ha constatato anche qualche progresso iniziale nell’uscita della nazione da 15 anni di deflazione. Le variazioni dei prezzi al consumo annuali sono “suscettibili di trasformarsi gradualmente in positivo“, ha espresso la banca centrale, un certo cambiamento rispetto all’affermazione del 22 maggio secondo la quale l’indicatore di riferimento “avrebbe dovuto registrare cali inferiori  per il momento, per poi rischiare di trasformarsi gradualmente in positivo successivamente

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy