I Broker e lo Swap


VISITA IL NOSTRO NUOVO BLOG!


Analisi, operatività mostrata in tempo reale e la formazione per imparare
a capire i mercati e lavorare in modo corretto e senza farsi male.

Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.davidruscelli.com

Perché lo swap applicato dai forex broker penalizza il trader?

La maggior parte dei broker non applica commissioni dirette nelle fasi tradizionali di trading giornaliero, ma naturalmente lo scambio tra due currency non è a costo zero per il trader. Se fosse così i broker non avrebbero ragione di esistere.

Il costo dell’operazione per il cliente è infatti prevalentemente scaricato sul differenziale bid ask della coppia di valute scambiata. Più questa è liquida come EurUsd, minore è il margine (più stretta la distanza tra prezzo denaro e prezzo lettera). Sulle valute esotiche meno liquide invece lo spread è decisamente più ampio offrendo margini di guadagno maggiori al broker.

Il costo sostenuto da un trader però non si limita a questo. Esiste un’altra componente di costo poco conosciuta che grava sull’operazione. Stiamo parlando del costo legato allo swap.

Nel gergo finanziario la parola swap è associata allo scambio tra due parti di flussi di cassa. Solitamente questo strumento derivato serve come mezzo di copertura dei rischi. Pensiamo alla copertura del rischio cambio, piuttosto che del rischio tasso. In questo ultimo caso una controparte scambierà con un’altra tasso fisso con tasso variabile immunizzando per un certo periodo di tempo il rischio di un movimento non desiderato sui tassi di interesse.

Ma torniamo al forex.

Quando decidiamo di andare ad esempio long su EurUsd al cambio di 1.1050 chiudendo in giornata l’operazione con una di segno opposto a 1.1100, otteniamo un guadagno semplicemente depurato dallo spread denaro lettera applicato dal broker nelle due fasi di compravendita.

Tutto vero se appunto il trade è intraday.

Se però alla fine della giornata EurUsd ha un cambio spot di 1.1000 (quindi siamo in perdita) oppure il profitto raggiunto non ci soddisfa e vogliamo comunque mantenere la nostra posizione portandola al giorno successivo, allora solitamente per convenzione dopo le ore 23.00 scatta il cosiddetto rollover, operazione effettuata in automatico da ogni broker.

Ed è qui che entra in gioco il tasso swap. Nelle operazioni a termine (o forward) che hanno in vendita una valuta con un tasso di interesse superiore rispetto a quello della valuta in acquisto, il cambio finale a scadenza sarà penalizzante per l’investitore che decide di coprirsi dal rischio cambio rispetto allo spot.

Come per i forward anche nel caso del rollover overnight la logica è la stessa ma in un arco temporale molto più ristretto.

Se quindi abbiamo in vendita (come nel caso del long EurUsd) una valuta con un tasso di interesse superiore, lo swap rappresenterà un costo. Se ipotizziamo per l’Euro un tasso di interesse dello 0% e per il Dollaro di 0,50%, il tasso swap sarà generato dalla differenza tra 0% (valuta in acquisto) e 0,50% (valuta in vendita). Il risultato finale sarà un tasso swap di -0,50% annuo che andrà riparametrato su un solo giorno.

Dopo il rollover la nostra operazione long EurUsd subirà così una leggera penalizzazione che si tradurrà in una riduzione del gain oppure in un peggioramento del loss.

Naturalmente nel caso opposto di vendita di una valuta con tasso di interesse inferiore rispetto a quello di acquisto lo swap si traduce in un beneficio per il trader nell’effettuare l’operazione di rollover.

Non tutti i broker applicano il medesimo tasso swap. Alcuni Broker fanno pagare tassi di swap molto penalizzanti, altri broker invece sono più convenienti. Considerando che queste possono diventare voci di costo applicate frequentemente, capire come il broker effettua i calcoli del tasso swap applicato nelle operazioni di rollover diventa un fattore importante nell’economia del trade.

VISITA IL NOSTRO NUOVO BLOG!


Se hai trovato interessante questo articolo ti consigliamo di visitare il nostro blog ufficiale: davidruscelli.com.

Analisi, operatività mostrata in tempo reale e la formazione per imparare
a capire i mercati e lavorare in modo corretto e senza farsi male.

Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.davidruscelli.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Disclaimer    •    Privacy Policy