Un po di inflazione… Ne avrebbe bisogno l’Europa – Per favore ditelo alla BCE

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Un po di inflazione… Ne avrebbe bisogno l’Europa

Per favore ditelo alla BCE

 

DEFAULT EUROLa BCE (Banca Centrale Europea) sta ricevendo molte critiche dopo l’ennesimo disastro nel comunicare la politica monetaria futura. La dichiarazione di Luglio è stata (riassumendo) “manterremo i tassi di interesse su livelli attuali o inferiori, per un periodo di tempo prolungato” Non suona un po’ vago? Prolungato quanto? attuali O inferiori? Pensate che questa frase contenga informazioni soddisfacenti se siete interessati a conoscere i piani della BCE per il futuro? Nonostante questo ennesimo gap di comunicazione, dietro c’è un messaggio ben preciso. Una dichiarazione di indipendenza della propria politica monetaria nei confronti del resto del mondo. Draghi di fatto ha detto “non importa se Bernanke inizierà a rimuovere le politiche di allentamento quantitativo, noi manterremo una linea diversa e non ci faremo influenzare” 

Ma questo non è sufficiente.

Sì, una bella dichiarazione d’indipendenza, ma allora? Parliamo di atti pratici. Non è il momento di far circolare un po’ di soldi e ridare fiato all’economia facendo aumentare un po’ l’inflazione? Ricordiamoci sempre che l’inflazione è come la pressione del sangue dell’economia. Non va bene se è troppo alta, ma se è troppo bassa è un problema, se poi è nulla significa che il soggetto è morto, quindi sarebbe meglio di no, cosa ne dite?

L’inflazione di fondo, al netto di energia, alimentari, tabacco e alcol, è ferma all’1,2 per cento da mesi.

Un’inflazione troppo bassa è dannosa quanto un’inflazione troppo alta.

Un’inflazione sottotargettizzata, provoca trasferimenti di reddito anomali dalla periferia verso il centro. Quando l’inflazione diminuisce come avvenuto nell’eurozona, ne consegue un rafforzamento dei paesi centrali creditori a sfavore dei paesi debitori, perché più basso è il tasso di inflazione della zona euro, più alto è il peso reale degli interessi che i paesi debitori devono pagare. La Germania non ha nulla da guadagnare se i paesi periferici collassano, perchè non rivedrebbe indietro un centesimo, pertanto ci troviamo in una situazione in cui aumenta il risentimento e il sospetto reciproco, che è l’ultima cosa di cui l’unione ha bisogno.

La BCE non dovrebbe consentire un’inflazione sotto il target (già basso). La banca ha un mandato e la sua credibilità dipende dalla sua libertà e capacità d’azione, che al momento non pare esserci. Non è sufficiente dire che la BCE deve mantenere la politica attuale per un periodo prolungato di tempo. La BCE deve spingere sul pedale del gas e far salire l’inflazione. Alcuni menbri della BCE sono preoccupati che una volta spinta verso l’alto l’inflazione non si riuscirà più a falra rientrare, perchè pensano che l’inflazione sia come una droga, più ne prendi e più ne vorresti, ed è poi difficile liberarsene. Questa tesi equivale a dire che la BCE non ha i mezzi per adempiere il suo mandato di stabilità dei prezzi.

Di recente, l’influente menbro del consiglio direttivo della Banca Centrale Europea Joerg Asmussen ha dichiarato che “se l’inflazione dovesse aumentare, agiremo immediatamente per stroncarla sul nascere” Questo messaggio è completamente sbagliato. Come farà l’europa a sfuggire dal problema di un’inflazione troppo bassa se la BCE cerca di stroncarla sul nascere. All’interno della BCE qualcuno è preoccupato che in futuro non si riesca più ad ottenere le decisioni all’unanimita. E quindi? l’unanimità non garantisce una buona politica.

La BCE dovrebbe tagliare SUBITO il tasso di interesse a 25 punti base e magari se non basta procedere anche con dei tassi negativi…

 

PS: Informatevi su Marco Della Luna e Antonio Miclavez, dei tassi negativi ne scrivevano nei loro libri fin dai primi anni 2000… (e non li hanno inventati certo loro)

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy