Market Movers: MA ALLA FED INTERESSA LA SORTE DEGLI EMERGENTI?

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Market Movers

MA ALLA FED INTERESSA LA SORTE DEGLI EMERGENTI?

 

IL TAPERING VA

Con la decisione scontata, ma un po’ sorprendente per il momento di forte pressione che stanno vivendo alcuni mercati, la Fed taglia di altri 10 miliardi di Dollari il proprio programma di riacquisto. Il non accenno alla crisi valutaria degli emergenti appare esemplificativo del fatto che per ora questo è un non problema per l’America impegnata a riportare a casa capitali e lavoro.

Importante la serie di dati attesa nella settimana entrante. Si comincia il 2 febbraio con l’Ism manifattura a cui seguiranno il 4 febbraio gli ordini di fabbrica, il 5 febbraio l’Ism servizi, il 6 febbraio la bilancia commerciale ed infine, il dato più atteso il 7 febbraio, la disoccupazione di gennaio con le nuove buste paga emesse che, dopo la delusione di dicembre, sono attese a +175 mila.

Sempre rimanendo in Nord America, ma lato Canada, vogliamo segnalare come il dato sulla disoccupazione di venerdì 7 febbraio che potrebbe fornire al mercato la scusa buona per invertire la tendenza rialzista di UsdCad, tendenza che appare eccessiva alla luce di un indicatore Adx che tocca quota 60 ed il raggiungimento del 50% di ritracciamento del bear market partito nel 2009 da 1.3065.

usdcad

 

LA BCE CONTINUERA’ AD ASPETTARE?

Tocca alla Bce, dopola Fed della settimana scorsa, dare una scossa al mercato facendo vedere le reali intenzioni del 2014. Nella stessa giornata in cui anchela Bank of England si pronuncerà sui tassi, Draghi potrebbe fornire ai mercati la scusa buona per vendere Euro. A precedere questo meeting ci penseranno i dati di Pmi manifattura il 3 febbraio, i prezzi alla produzione il 4 e Pmi servizi più vendite al dettaglio il 5 febbraio.

 

TAPERING SI’, EMERGENTI NO

La Turchia pone fine per il momento all’emoraggia di vendite sulla Lira Turca alzando i tassi overnight di 425 punti base (12%)  cercando così di abbattere una speculazione che stava innescando una pericolosa spirale inflazionistica. Non è detto che il mercato si accontenti, ma di certo adesso gli occhi saranno addosso ad altri paesi emergenti che si trovano in situazioni simili in primis il Sud Africa di cui parliamo dopo. Questa settimana atteso il dati di inflazione turco il 3 febbraio, mentre il giorno successivo sarà la volta della produzione industriale brasiliana, mentre il 7 febbraio toccherà all’inflazione messicana.

 

TRADE DELLA SETTIMANA

Abbiamo detto del Sud Africa. Dopo la decisione turca di togliere pressione alla Lira alzando i tassi anche il paese africano ha fatto, ma con una decisione (+50 punti base) che il mercato ha preso molto male. Nuovo record per EurZar che tocca 15.50.

L’inflazione causata dalla svalutazione del Rand potrebbe mettere sotto pressione il Governo Zuma costringendolo ad agire in vista delle elezioni politiche di aprile e gli indicatori macro in uscita questa settimana potrebbero confermare il vistoso rallentamento.

L’indice di fiducia Kagiso previsto per il 3 febbraio ne è un esempio.

Tecnicamente EurZar ha sfondato i massimi del 2008, ma la situazione tecnica ci appare talmente estrema che un rovesciamento di fronte verso il basso è ritenuto altamente probabile alla luce del fatto che nel mese di febbraio EurZar è sceso in 12 anni su 15. Opportunità tattica, ma non strategica.

eurzar

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy