Market Movers: Un po’ di volatilità fa bene!

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Market Movers 

UN PO DI VOLATILITA’ FA BENE

 

…PER CORREZIONI SALUTARI

Da oltre 2 anni non si vedono a Wall Street correzioni superiori al 10% e quindi ormai la mente degli investitori è assuefatta dalla bassa volatilità stupendosi (o chiamando il crash) quando il mercato prende fiato dopo una corsa che l’aveva riportato, per l’ennesima volta, sui massimi storici.

Questa settimana molta curiosità ruota attorno alla pubblicazione dei verbale del FOMC del 16-17 settembre, minute dalle quali potrebbero emergere novità più sostanziali circa la volontà della Banca Centrale americana di alzare o meno i tassi ad inizio 2015.

 

OCCHIO ALLA BANK OF ENGLAND

Dopo un meeting Bce piuttosto incolore relativamente alle attese, Draghi tornerà a parlare davanti ad un pubblico il 9 ottobre a Washington. Sarà l’ennesima occasione per ribadire la sua volontà di contrastare deflazione e credit crunch con misure non convenzionali, ma al tempo stesso, lontano dall’Europa, potrebbe togliersi qualche sasso dalla scarpa circa le politiche economiche adottate dai partner politici del Vecchio Continente.

Sempre in settimana attenzione ai dati tedeschi di ordini di fabbrica (6 ottobre) e produzione industriale (7 ottobre).

La vera attenzione va però rivolta alla Gran Bretagna dove il 9 ottobre la Bank of England deciderà sui tassi di interesse; probabilmente non ci saranno variazioni nei tassi, ma la conferenza stampa successiva potrebbe cominciare a fornire date ipotetiche del primo rialzo dei tassi di un paese occidentale ora che anche il rischio secessione scozzese si è dileguato.

Il cambio EurGbp ha già scontato questo scenario e come si vede dal grafico è ritornato ai minimi da luglio 2012, mese dell’entrata a gamba tesa sul mercato di Mario Draghi per salvare l’Euro. Ipotizzare da qui un rimbalzo non appare poi così improbabile.

pa1688

 

NOTIZIE DA ORIENTE

Il meeting della Bank of Japan del 7 ottobre nella stessa giornata in cui anche l’Australia deciderà sui tassi potrebbe dare volatilità alle rispettive valute Yen e Aud. Su questa seconda torneremo, mentre sul Giappone attenzione anche al dato di deficit delle partite correnti e bilancia commerciale del 8 ottobre.

 

TRADE DELLA SETTIMANA

pa1689

Tornando all’Australia, oltre alla decisione sui tassi di interesse che probabilmente rimarranno invariati, attenzione anche la dato sulla disoccupazione australiana che verrà pubblicata il 9 ottobre.

Il cambio AudUsd è arrivato ad uno snodo critico. Come si vede dal grafico infatti la caduta della valuta ha superato il 7% in  un mese arrivando esattamente su quel livello di 0.8660 che ha contraddistinto i minimi di gennaio 2014.  Questo livello è critico anche perché qui tutto il bull market cominciato nel 2000 è ritracciato al 38.2%, quindi uno sfondamento verso il basso sarebbe un segnale pessimo che spingerebbe l’Aussie verso 0.80. Ovvia l’associazione che viene poi fatta tra oro e cambio. Se sovrapponiamo oro e AudUsd vediamo infatti come anche il metallo giallo è arrivato a ridosso di un supporto di assoluto rilievo (1180) con la stessa forma grafica accumulata da AudUsd negli ultimi mesi. Quindi attenzione ai movimenti di entrambi per capire il futuro di questi asset.

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy