Market Movers: PAESI EMERGENTI, ANCHE LA FED AMMETTE IL RISCHIO CRISI

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Market Movers

PAESI EMERGENTI

ANCHE LA FED AMMETTE IL RISCHIO CRISI

 

DOPO I VERBALI DELL’ULTIMO MEETING

Il tapering andrà avanti, ma il tasso di disoccupazione al 6.5% non è  più un totem oltre il quale i tassi verranno alzati. Queste le due principali considerazioni emerse dalla pubblicazione degli ultimi verbali della Fed la settimana scorsa. E’ però il richiamo ai paesi emergenti e alle loro turbolenze come potenziale fattore di crisi ad allertare i mercati che immediatamente hanno reagito vendendo le valute emergenti stesse reduce da un mini rally nelle ultime settimane. La Fed si muove con cautela e con la stessa cautela anche il dollaro fatica a prendere forza rispetto all’Euro, ma come sappiamo qui la palla è nel campo della Bce.

Tra i dati più interessanti della settimana ricordiamo i prezzi delle case il 24 febbraio, la vendita di case nuove il 26, gli ordini di beni durevoli il 27 ed infine Chicago Pmi e fiducia dei consumatori il 28 febbraio.

 

WAIT AND SEE

Non si può dire altro della politica monetaria europea (guardatevi i dati della Francia per capire dove stiamo andando), il vero anello mancante per una debolezza più strutturale dell’Euro. In attesa del meeting di marzo presteremo attenzione al dato sull’Ifo tedesco il 24 febbraio a cui farà seguito il dato sul Pil tedesco il 25 e la disoccupazione il 27 giornata anche di pubblicazione del dato di massa monetaria M3.

 

I NUMERI DEL GIAPPONE

Come detto la settimana scorsa i numeri del Giappone stanno peggiorando notevolmente soprattutto quelli relativi ai conti con l’estero. Il deficit commerciale ai livelli più elevati della storia riflette una situazione in cui i giapponesi stanno riattivando la loro domanda interna aumentando l’appetito per l’export, ma contemporaneamente l’export non decolla complice il rallentamento evidente della Cina. Sarà soprattutto il 28 febbraio una giornata di volatilità sullo Yen con in contemporanea i dati di disoccupazione, produzione industriale, vendite al dettaglio ed inflazione. Rimane ferma l’idea che per lo Yen non si prospetta un periodo di facile debolezza stretto tra la necessità di smaltire gli eccessi dell’anno passato e le indicazioni che arrivano dall’analisi tecnica; il grafico di AudJpy sembra parlare abbastanza chiaro. Testa e spalla ribassista, return move ed ora ripresa del ribasso.

audjpy

 

TRADE DELLA SETTIMANA

Con un occhio sempre ai dati macro che arrivano dagli emergenti, questa settimana ricordiamo per il Sudafrica il Pil (25 febbraio) e la bilancia commerciale (28), ma anche la decisione sui tassi di interesse del Brasile il 26 febbraio, questa settimana ci vogliamo focalizzare sulla Corona norvegese, valuta che ha ripreso un po’ di forza nelle ultime settimane grazie anche alla risalita dei prezzi del petrolio, ma che, a nostro modo di vedere, potrebbe presto seguire la parabola della Corona svesese. EurNok infatti si è rifiutato di scendere sotto l’importante supporto di 8.30 e la sensazione è che a questo punto si possa tornare a risalire verso 8.50 nell’ipotesi più basica. Molto più probabile uno sfondamento verso l’alto da parte di EurNok con un grafico daily che sembra supportare a questo punto la direzione bullish. Il dato sulla disoccupazione del 28 febbraio potrebbe essere un market movers importante.

 eurnok

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy