Market Movers: Ricomincia il giro delle Banche Centrali

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Market Movers

Ricomincia il giro delle Banche Centrali

 

Yellen, tassi e dollaro

La chiamata di Obama (poi smentita) al G7 tedesco è stato un chiaro input ai mercati di quanto fastidioso sia il biglietto verde a questi livelli. La bilancia commerciale americana soffre, la domanda interna nonostante la fiammata occupazionale ancora non sembra in grado di assicurare un sostegno deciso alla crescita, la concorrenza svaluta e allora ecco che il Presidente americano mette le mani avanti facendosi aiutare dal FMI che giudica leggermente sopravaluto il dollaro, sperando così di mettere pressione agli investitori in modo da regalare alla Yellen questa estate una valuta in prossimità di 1.18/1.20 contro Euro. Se poi anche la soluzione greca dovesse essere trovata (ipotesi ad oggi che appare piuttosto lontana) allora la rottura tecnica di 1.15 potrebbe essere più che un’idea. Molta responsabilità sarà anche sulle spalle della Yellen che il 17 giugno chiuderà un Fomc che alla fine del 2014 avrebbe dovuto essere quello del rialzo dei tassi. Stavolta crediamo invece che la Yellen farà da pompiere per non incendiare il Dollaro e nello stesso tempo tirare un po’ il freno al rialzo dei rendimenti sulla parte lunga della curva che vede il decennale toccare quota 2,50%. Per quello che riguarda i dati macro si partirà lunedì 15 con la produzione industriale e i TIC Flows, ma soprattutto attenzione al 18 giugno con il dato sull’inflazione attesa a zero su base annua.

 

Draghi annullerà le velleità dei tori?

Potrebbe essere questo il tenore delle parole del Presidente BCE il quale parlerà lunedì 15 davanti al Parlamento europeo. Come già fatto anche dal suo vice lo scopo di queste parole dovrebbe essere quello di mantenere l’attenzione degli investitori sulla possibilità di una BCE più aggressiva ed in grado di indebolire l’Euro quando vuole con un ampliamento del QE. Anche l’argomento rendimenti sarà al centro delle attenzioni di Draghi con il rialzo dell’ultima settimana che ha spinto il Bund sopra l’1% ed i Btp italiani ad un passo dal 2,50%. Attenzione poi ai dati di inflazione del 17 giugno e lo Zew tedesco del 16 giugno.

 

Trade della settimana

Riprendiamo il grafico di EurCad già segnalato alcune settimane fa. I dati di venerdì 19 su vendite al dettaglio ed inflazione potrebbero infatti scatenare la volatilità su un cross reduce da due segnali contrastanti. Il primo, quello della formalizzazione di un testa e spalla rialzista dopo il break di 1.3820. Il secondo quello del test di media mobile a 200 giorni e down trend line in area 1.41. Chi prevarrà tra le due forze? I ribassisti di lungo periodo (e allora dovremmo assistere ad un rientro sotto la neck line con conseguente assalto alla spalla destra di 1.343), oppure i più freschi rialzisti che da aprile guidano le danze? Le previsioni di crescita di EurUsd ed il recente strappo del prezzo del petrolio sembrerebbero indicare la strada bullish quella preferita ma come sempre sarà la price action a fare la differenza. Una chiusura sopra la media mobile a 200 giorni di 1.394 è il segnale che aspettiamo per metterci long.

cad 

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy