Market Movers: Volatilità Estiva

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life

Market Movers

Volatilità Estiva

 

Alla Fed serve un dollaro più debole

Mario Draghi, nella sua conferenza stampa di mercoledì, non ha fatto in tempo a terminare la frase circa il possibile aumento estivo della volatilità, che il mercato ha cominciato a vendere selvaggiamente titoli di stato di ogni tipo. Violentissimo il rialzo dei tassi che sul Bund hanno messo alle corde gli stress test che gli istituzionali sono chiamati a compiere con regolarità sui propri portafogli. Quali possano essere i motivi scatenanti di questa situazione che si è venuta a creare sui tassi non possiamo saperlo, ma certamente l’effetto traino dei rendimenti americani a loro volta sempre più vicini al 2,50% sul decennale, può essere stato importante. I dati americani di ISM, deficit commerciale e occupazione non hanno deluso gli analisti. Anche questo rientra nel solco di una fase di eccesso di aspettative del primo trimestre che si sono ridimensionate e che ora stazionano a livelli piuttosto bassi lasciandoci pensare ad un immediato futuro con numeri più positivi, sempre sul fronte macro. Il grafico del Citigroup Suprise Index (CESI) è emblematico della delusione che hanno subito i mercati nella prima parte del 2015.

 

Grecia ed Ucraina

Toccherà a Mario Draghi il 3 giugno cercare di tamponare, se non si sarà arrivati ad un accordo con la Grecia, le possibili tensioni che stanno emergendo negli ultimi giorni. La fuga di depositi dal paese ellenico è evidente e siccome questi soldi li sta mettendo la BCE con il fondo di emergenza ELA, il colabrodo greco rischia di mettere nell’angolo colui che fino ad ora ha arginato le spinte speculative sull’Euro. Vedremo come Draghi comunicherà ai mercati le intenzioni future della BCE magari commentando anche quei dati macro che usciranno in precedenza. Il 2 giugno sarà infatti la volta dell’inflazione mentre proprio il 3 attenzione a indicatori PMI, disoccupazione e vendite al dettaglio. Il giorno successivo toccherà invece alla Bank of England la quale potrebbe cominciare a diventare insofferente per una Sterlina che appare un po’ troppo forte rispetto all’Euro.

cesi

Dopo l’infornata intensa della settimana scorsa i dati che usciranno questa settimana dagli Stati Uniti saranno relativamente pochi. Tra quelli degni di nota ricordiamo le vendite al dettaglio del 11 giugno e i prezzi di produzione del 12 giugno.

Yen in caduta

Sembra proprio che il mercato abbia deciso di mollare lo Yen con rotture tecniche di assoluto rilievo sia su UsdJpy che su EurJpy. La svalutazione inevitabilmente avrà impatti anche su altre realtà (vedi Corea) che non potranno rimanere a guardare lo sbriciolarsi della competitività in eterno. Questa settimana avremo modo di misurare questa febbre nipponica con i dati di Pil e bilancia commerciale l’8 giugno oltre alla produzione industriale prevista per il 12 giugno.

Trade della settimana

Come era eccessiva la caduta dell’Euro rispetto al Nzd ad aprile, ora sembra eccessivo sul fronte opposto la sparata rialzista. Il mercato è salito di quasi 20 figure in due mesi ed ora sta mettendo sotto pressione la trend line ribassista. Fino a prova contrare prevale ancora uno scenario bearish e qui potrebbe valere la pena azzardare uno short. L’area di 1.60/1.65 rappresenta il livello di resistenza più critico oltre il quale non andare.

eurnzd 

VISITA IL NOSTRO NUOVO SITO!

MASTERCLASS GRATUITE
APP PER IL TELEFONINO
Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.strategico.life
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

✅    Formazione gratis

✅    Avvisi in caso di nuove truffe

✅    Dirette Importanti e registrazioni

✅    Puoi disiscriverti in qualsiasi momento

✅    PROVA! HAI SOLO DA GUADAGNARCI


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Privacy Policy