Se vuoi avere risultati nel trading, devi “aggiustare” la tua testa – Terza Parte.


VISITA IL NOSTRO NUOVO BLOG!


Analisi, operatività mostrata in tempo reale e la formazione per imparare
a capire i mercati e lavorare in modo corretto e senza farsi male.

Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.davidruscelli.com

Se vuoi avere risultati nel trading, devi “aggiustare” la tua testa – Terza Parte.

Eccoci arrivati alla terza e ultima parte di questa serie di articoli sul riconoscere e sistemare i problemi che rovinano i nostri trade, problemi che derivano principalmente dalla nostra testa.

Prima di andare avanti, se sei nuovo o se ti sei perso un pezzo, puoi trovare qui la prima parte e qui la seconda.

In fondo all’articolo ho poi lasciato come bonus un video riassuntivo di tutte e tre le parti.

Ma prima promettimi di leggere tutto affinché non ti perda niente.

Promesso?

Bene, iniziamo.

Il denaro rovina le menti delle persone.

money mind

Quante volte abbiamo sentito parlar male del denaro, questo sporco sterco del diavolo?

E ancora, quante volte abbiamo letto, ascoltato o magari anche detto frasi del tipo “sì i soldi gli hanno dato alla testa!”

Sbaglio?

In realtà che tu stia facendo o che tu stia perdendo denaro probabilmente ci saranno degli effetti collaterali psicologici che ne derivano.

Se vuoi riuscire in questo settore, se vuoi veramente diventare un trader professionista e guadagnare abbastanza costantemente devi necessariamente risolvere questo problema.

Vuoi sistemare il tuo trading? Devi sistemare anche il tua mentalità monetaria.

Ma quali sono i principali ostacoli mentali che tutti traders devono affrontare per quanto riguarda i loro soldi?

La maledetta paura perdere.

to lose

La paura di perdere fa più danni delle cavallette.

Questo perché può presentarsi in diversi modi:

  1. La prima è machiavellica in quanto per paura di perdere piccole somme di denaro se ne perdono in realtà molte di più; la tecnica che interviene in questi casi è quella di togliere lo stop loss perché “tanto risale/riscende”; ve possino mozza’ le mani!
  2. C’è poi il caso per il quale, avendo il terrore di perdere soldi, evito di entrare a mercato anche se ci sono delle buone occasioni; la domanda che ti assilla in questi casi è: “ma se poi va male?”
  3. In quest’ultimo caso c’è sempre paura di perdere, ma in questo caso si ha la paura di perdere i profitti; ti capita magari di esserti perso un bel trade per un motivo o per un altro e ti arrabbi come una scimmia; siccome l’ossigeno non arriva più al cervello quest’ultimo pensa di dover recuperare qualcosa, con il risultato di fare un ingresso a mercato non ponderato che di solito si traduce con un loss.

Il rischio.

Anche se Rischio è il tuo secondo nome, sai bene che buttarsi letteralmente a mercato con importi a leva alta può metterti KO in men che non si dica.

Fortunatamente l’ESMA ha forzatamente ridotto questa follia, ma purtroppo non impedisce del tutto ai traders di continuare a farsi male.

Non sapere dove entrare o uscire a mercato.

Domanda: conosci il trading? Altrimenti inizia da questo corso gratuito e magari approfitta per leggere La Bibbia del Forex di David Ruscelli.

La completa assenza di un piano di Money Management.

L’ho lasciata per ultima, ma non meno importante, anzi!

Uno dei motivi per il quale i traders falliscono è proprio per questo motivo; non hanno minimamente pianificato un piano di conservazione del capitale.

Il money management, il piano di trading, sono la parte più importante dell’approccio a questo mondo, non pensare minimamente di poterla saltare.

Come realizzare tutto ciò.

Parto da dove avevo finito prima.

Per ovviare ai problemi di money management occorrono 2 capire due concetti:

  • Il primo è che devi essere pronto a perdere; puoi aver studiato tutto per filo e per segno, ma il mercato ha il suo corso e pertanto devi tenere sempre questo a mente.
  • Il secondo è che devi stabilire tutto a priori, devi avere il tuo piano di trading.

Sul primo punto c’è poco da discutere, se non lo hai capito, rileggilo.

Anche sul piano di trading dovrebbe esserci poco da discutere, ma in questo caso è meglio spendere due paroline.

Non c’è niente che possa trascinarti fuori dalle cattive abitudini come il piano di trading.

Devi stabilire a priori tutto, non c’è margine per l’improvvisazione; una volta studiato il grafico devi decidere il rischio dell’operazione, il risk/reward, dove/quando entrare e perché, dove/quando uscire e perché.

todo

TUTTO rigorosamente PRIMA.

Per fare un paragone pensa all’entrata a mercato come ad un’immersione e al piano di trading come il tuo ossigeno; bene, quanto tempo pensi di poter stare immerso in acqua senza ossigeno?

Se non vuoi lasciarci le penne capisci che è davvero fondamentale.

Cerca poi di trattare il tuo account con rispetto; pensa a quanto tempo ci hai messo a mettere via quella cifra; se ancora non dovesse bastare pensa di stare gestendo una cifra molto più alta e cerca di comportarti di conseguenza; sebbene i principi sono gli stessi, se non si è abituato a maneggiare cifre alte, solo l’idea fa essere più prudenti.

Vai a letto sereno; se lasciare un’operazione over-night non ti fa dormire, allora è il caso che ripassi i punti sopra, perché forse hai esagerato con il rischio ed è questo a non farti stare tranquillo.

Ripeti il tutto all’infinito senza mai deviare; so che all’inizio può sembrare macchinoso o inutile, ma solo disciplinandoti in questa maniera eviterai tanti problemi e potrai portare a casa risultati sul lungo periodo; attenzione soprattutto a non abbassare la guardia, altrimenti con un trade “fuori dal piano” rischi di rovinare tutto e avrai fatto tanta fatica per niente.

Conclusioni.

Il filo d’unione che unisce tutti i più grandi uomini d’affari, i traders, gli investitori e perché no anche i giocatori di poker è la loro mentalità, il loro “mindset”.

Se riesci a mantenere la giusta disciplina anche in un momento di drawdown più o meno lungo allora sei a cavallo; è proprio questo che fa la differenza, riuscire a rimanere lucidi quando si è sotto pressione.

Puoi essere il più bravo trader del mondo, ma se non riesci a gestire i momenti di difficoltà non farai molta strada.

Ma io sono qui per questo, tutti noi del gruppo siamo qui per questo, quindi non esitare a contattarci, puoi trovarci qui.

Ecco adesso puoi goderti il video, buona visione!

VISITA IL NOSTRO NUOVO BLOG!


Se hai trovato interessante questo articolo ti consigliamo di visitare il nostro blog ufficiale: davidruscelli.com.

Analisi, operatività mostrata in tempo reale e la formazione per imparare
a capire i mercati e lavorare in modo corretto e senza farsi male.

Questo ed altro ancora lo puoi trovare solo su:
www.davidruscelli.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Prima di iniziare una qualunque forma di investimento, è necessario comprendere a fondo i rischi che tale attività comporta. Assicurarsi di averne compreso i rischi.

Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimentoo all'acquisto o vendita di strumenti finanziari. Tutte le informazioni fornite non sono garanzia di risultati futuri. Si declina ogni responsabilità per le informazioni fornite su questo sito che non è responsabile per qualunque perdita o danno diretto o indiretto dovesse coinvolgere in qualche modo il lettore.

Prima di decidere di fare trading, si dovrebbe essere consapevoli di tutti i rischi associati con il trading forex, e cercare consigli da un consulente finanziario indipendente e opportunamente concesso in licenza. Questo sito internet non garantisce entrate o successi ed esempi dei risultati del proprietario, di prodotti e di altre persone non rappresentano un'indicazione di successo o di guadagno futuri.

Forex Strategico® è un marchio registrato. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito e punibile dalla legge.

Disclaimer    •    Privacy Policy